Introduzione del tè in Giappone

Introduzione del tè in Giappone Disegno

Non si può parlare di Chashitsu (sala da tè o casa da tè) senza il tè. Saichou, un prete buddista che accompagnò l’inviato a Tang in Cina per studiare nel periodo Heian (794-1185) e in seguito divenne noto come Dengyoudaishi, riportò i semi di tè, che segnarono l’inizio della storia del tè in Giappone. Si dice che Saichou abbia piantato il tè a Sakamoto, ai piedi del monte Hiei.

Cerimonia del tè

Quando l’imperatore Saga fece una visita reale al tempio Bonshakuji a Kanzaki, Oumi-no-kuni nel sesto anno di Kounin (815), Eichuu, Daisouzu, lo decottò e lo presentò, che è la più antica testimonianza sopravvissuta della cerimonia del tè.

La cultura del tè in Giappone divenne obsoleta per un po’, ma il monaco buddista Eisai (Yousai) ritornò dalla Cina Song (Song meridionale) nell’anno Kenkyuu 2 (1191) e coltivò il tè che portò al Tempio Reisenji a Hizen-no-. Kuni. Nell’anno 5 di Jougen (1211), scrisse il primo libro sul tè in Giappone, “Kissa-youjouki” (Registri del regime di assunzione del tè). Con l’Eisai come fattore scatenante, l’usanza di bere il tè divenne popolare nei templi buddisti Zen durante il periodo Kamakura (1185-1333).

Si dice che la cultura del tè che Eisai toccò nella Cina Song fosse il matcha (tè verde macinato) che veniva gustato nei templi buddisti Zen, mentre il tè introdotto nel periodo Heian era il mochicha o dancha solidificato (tè dolce).

Durante il periodo Muromachi (1336-1573), il tè veniva servito nel kaisho (sala funzioni). Al Nankou-kaisho nel Muromachi-dono, la residenza del generale Ashikaga dello shogunato Muromachi, c’era un “chanoyu-dokoro” (luogo della cerimonia del tè) per preparare il tè.

Riferimento: il rotolo di immagini “Bokiekotoba” vol. 5, prodotto nell’anno 6 di Shouhei / anno 2 di Kannou (1351).
https://dl.ndl.go.jp/info:ndljp/pid/2590852

Inoltre, l’evento chiamato “toucha”, che è un gioco elegante per bere e prevedere se il tipo di tè è “honcha” (tè autentico) o “hicha” (tè non di marca), ha guadagnato popolarità tra i samurai di zabara (autoindulgenza) che divenne una potenza emergente durante il periodo Muromachi. Il tè prodotto a Toganoo (Togao o Tsugao), che ha un clima adatto alla coltivazione dell’albero del tè, era chiamato “honcha” per la sua alta qualità, e altri marchi erano chiamati “hicha”. Toucha divenne addirittura un gioco d’azzardo e prosperò così tanto che alla fine fu bandito dallo shogunato.

Ancora oggi nei distretti di produzione del tè di tutto il Giappone si tengono eventi chiamati “chakabuki” simili a “toucha” per indovinare marche e aree di produzione in base al loro profumo e sapore.

Il luogo in cui le persone si riunivano per il “toucha” era chiamato “kaisho”. L’architettura non è stata progettata appositamente per la cerimonia del tè, ma si può dire che sia stata un’opportunità per la nascita del chashitsu.

Successivamente, prendere il tè divenne sadou (la via della cerimonia del tè) e si sviluppò come una cultura unica del Giappone insieme al chashitsu.

Cos’è Chashitsu? Il più piccolo spazio straordinario

Cos'è Chashitsu? Il più piccolo spazio straordinario
Chashitsu (sala da tè o casa da tè) è, come suggerisce il nome, una stanza con tatami dove si beve il tè. Ma non è tutto...

Autore: Takuya Nagata. Profilo Amazon

È uno scrittore di romanzi e creatore. Si è laureato alla UCA, l’università del Regno Unito. Ha parlato del minimalismo giapponese nella sua tesi di laurea. È il fondatore del “MINIЯISM” (minirism), il movimento artistico che contribuisce allo sviluppo delle società, come l’ecologia e lo stile di vita. Successivamente ha aperto l’asse della conoscenza “The Minimalist”.

Una volta ha viaggiato in Brasile e ha praticato il calcio al CFZ do Rio (Centro de Futebol Zico Sociedade Esportiva) a Rio de Janeiro. Ha giocato a calcio per gli Urawa Reds (Urawa Red Diamonds), una delle più grandi squadre di calcio del Giappone, e ha girato l’Europa. Si ritirò giovanissimo e viaggiò da solo in Inghilterra. Ha avviato la carriera come giornalista, allenatore di calcio, consulente, ecc. in tutta Europa, come la Spagna. È il fondatore del “Propulsive Football” (PROBALL), il primo calcio misto competitivo al mondo, che facilita la diversità e lo spirito di pari partecipazione nella società.

Ha inoltre conoscenze in ambito creativo e tecnologico. Lanciato l’asse della cultura e intrattenimento spaziale “The Space-Timer 0”.
https://www.amazon.co.uk/Takuya-Nagata/e/B09LM3Z89P
https://twitter.com/nagatackle
https://www.instagram.com/nagatackle/
https://www.facebook.com/takuya.nagata.794
https://www.linkedin.com/in/takuya-nagata-5730b069/

Home » Archivio » Introduzione del tè in Giappone